Home Page

HOME | Download | Fotogallery | Interagisci | Latin Radio | Contatti | Pubblicità

Feed RSS 

 

Musica

Rubriche Ballo Videogallery Pagine Latine

News Professione DJ DJ News Curiosità dal mondo Music Contamination Libri Films Glossario Salsa Glossario Reggaeton

----------------

» Sei in: Home Page | Rubriche | Libri

LIBRI

I libri scelti per questa rubrica, in collaborazione con l'Associazione Caribe (asscaribe@libero.it ), hanno connessioni, dirette o indirette, con le culture e le tradizioni latine, afrocaraibiche e afroamericane. Chi desidera sottoporre libri da recensire è pregato di contattare Gian Franco Grilli: grigianfra@alice.it

BITCHES BREW
Anno: 12/11/2009
Autore: Enrico Merlin- Veniero Rizzardi
Editore: Il Saggiatore

Chi ama il jazz, e in particolare è davisiano, deve assolutamente possedere questa straordinaria opera di Enrico Merlin e Veniero Rizzardi sulla Genesi del capolavoro di Miles: Bitches Brew , un disco che ha cambiato la storia del jazz contemporaneo e della musica in generale. E a questo album è stato dedicato un intero volume, un lavoro di ricerca pazzesco su documenti d'archivio, sonori (i ??nastri originali delle sedute e i nastri ??intermedi conservati negli archivi Columbia) e ??cartacei (archivio Columbia, Fondo Teo Macero ?della New York Public Library), a cui si aggiungono svariate testimonianze. Un’operazione che potevano affrontare solo due esperti e studiosi come Merlin e Rizzardi, musicista e storico della musica il primo, docente di Conservatorio e saggista il secondo.
Il testo è rivolto soprattutto ai jazzofili di livello, meglio se conoscitori anche di teorie e tecniche della musica e con una propensione agli studi che vanno in profondità e amano partire da lontano, dalle idee iniziali fino al dietro le quinte della produzione e post produzione. Infatti gli autori sono riusciti nel non facile compito di ritrovare tutti i tasselli del percorso artistico che sta a monte di questo progetto, cosa successe prima di arrivare al traguardo di Bitches Brew, le cui tracce incominciarono a registrarsi negli Studi della Columbia a New York il 19 agosto 1969, mentre a pochi chilometri di distanza si ripulivano i prati di Woodstock, il festival terminato da meno di 24 ore con il concerto dell’immortale chitarra rock di Hendrix. E l’energia rock entrò poco dopo, e per la prima volta, a contatto con il jazz per mano di Miles Davis che organizzò un’orchestra senza precedenti, una scelta inaudita: tredici solisti con chitarre e tastiere elettriche, quattro percussionisti, un clarinetto basso, un sax soprano. In tre mattinate nacque il jazz elettrico, che molti chiamano jazzrock e da cui sgorgherà fusion, acidjazz ecc., insomma una musica innovativa che all'epoca spaccò in due il mondo del jazz, tra modernisti e tradizionalisti, rivoluzionari e conservatori. Un lavoro di portata storica che andò oltre le divisioni dei cultori e influenzerà poi intere generazioni di artisti e con il tempo recuperò anche molti dei puristi e scettici.
La parte centrale del testo offre?un'analisi dettagliatissima delle sedute di ?registrazione effettuate dal 19 al 21 agosto, poi affrontano il processo di postproduzione e spicca il ruolo importante svolto dal produttore-compositore Teo Macero. Il volume è ricchissimo di ??illustrazioni, foto, figure musicali, documenti ?inediti, discografia, bibliografia. Una vicenda esaltante che va dagli ultimi mesi del leggendario quintetto con cui Miles lavorò negli anni Sessanta fino al tempio del rock, il Fillmore East.

A cura di:
Gian Franco Grilli
« Torna indietro


----------------

Feed RSS | HOME | Download | Fotogallery | Videogallery | Latin Radio | Contatti | Pubblicit

 

 Copyright 1997-2009. Tutti i diritti riservati.
Ideato da Francisco Rojos - Internet & Web design by Nitris S.r.l. - P.IVA 05236850961